Che piano (editoriale) hai per la tua presenza sui social?

22 nov

Per ogni web copywriter e media editor che si rispetti, avere un preciso piano (editoriale) d’azione è una regola imprescindibile: che si tratti del tuo blog, o dell’attività di un cliente, niente può essere affidato al caso.

 

piano editoriale social

fonte immagine: quicopy.blogspot.com

Qui su 4writing abbiamo già parlato dell’importanza del piano editoriale, nei suoi contenuti e strategie.

Proprio l’altro giorno, però, mentre mi occupavo dell’organizzazione del mio nuovo piano editoriale, mi sono posta una domanda: quanti piani editoriali possono (co)esistere?

Perché coesistere? Mi è sempre piaciuto pensare al piano editoriale come a un grande contenitore a scomparti dove tenere a portata di mano tutte le attività per organizzare la presenza sul web: gli obiettivi e i target, i contenuti e gli approfondimenti, le analisi e il monitoraggio dei risultati, il calendario delle pubblicazioni sul blog e sulle pagine social.

Proprio qui è scattato qualcosa: le pagine social non sono più un accessorio del blog, ma una realtà con necessità strategiche e comunicative ben precise. Perché non creare un piano editoriale apposta per loro, interfacciandolo a quello del blog?

Ecco quindi qualche consiglio per realizzare un piano editoriale social, ma prima una piccola premessa: le pagine social ‒specie quelle di Facebook, Twitter e Google+‒ possono essere viste come una grande piazza dove esistono persone che conosciamo, e altre mai viste, ma tutte con l’unico scopo di comunicare, dando e traendo informazioni, spesso in maniera caotica.

Mettiamo un po’ di ordine questa piazza, dunque.

 

Step uno: individua il target con gli insights

A volte il target del blog e quello dei social può coincidere. Considera, però, che i social sono uno strumento più immediato, di passaggio, che attira più presenza rispetto a un blog, specie se settoriale: prendi spunto dalle preziose informazioni che gli insights (a proposito, non perderti questo post sulle nuove funzione di Facebook) possono fornirti.

Questo step si chiama profilazione: comprendi chi hai di fronte, e individua il “tono di voce” con cui rivolgerti ai followers grazie ai dati sesso, età e interessi forniti dalla dashboard di Facebook, ad esempio. La tua comunicazione social così partirà con una base scientifica, e avrà più possibilità di arrivare agli obiettivi prefissati, come aumento dei like e dei followers, incremento dello scambio di informazioni e interazione, o, in caso di pagina aziendale, conversione degli utenti in clienti attivi.

 

Step due: presta attenzione al suolo su cui ti trovi

Si sa, l’importanza dei contenuti è fondamentale: cerca di informare emozionando e dando valore aggiunto. Tutto qui? No, anzi. Cerca, prima di tutto, di rispettare il “suolo” su cui ti trovi: Facebook, Twitter e Google+ fanno parte dello stesso universo, ma sono pianeti diversi.

Prendi nota della loro natura e crea contenuti, percorsi e approfondimenti adatti utilizzando i loro valori aggiunti, come gli hashtag per Twitter e gli hangout per Google+: così facendo i tuoi fan si sentiranno davvero a casa.

 

Step tre: pubblica e condividi con puntualità

Abbiamo organizzato il target e gli obiettivi della nostra pagina social, ora bisogna stilare il calendario editoriale dei contenuti: un passo essenziale, come per il blog, ma con tempistiche differenti.

Il leitmotiv dei piani è in genere questo: organizzi una pagina web, scrivi post e articoli, li pubblichi con costanza, poi diffondi le tue parole sui social.

Anche per i social la “costanza” è una parolina magica, ma le tempistiche possono essere differenti rispetto a quelle del blog: pubblica più spesso su twitter, condividendo le tue creazioni e quelle altrui (suggerimento: dedica un argomento diverso a ogni giorno, sarà facile grazie a strumenti come Twitter List); mentre posta meno frequentemente su Facebook, prestando attenzione ai giorni e agli orari di maggior affluenza indicati dalla dashboard.

La stessa frequenza di pubblicazione può essere adottata anche su Google+, ma per questo social scegli contenuti più Geek, e sfrutta appieno la grande capacità interattiva che questo network mette a disposizione: se la tua pagina è aziendale, puoi considerare gli hangout come la sezione live “dubbi e domande”: i tuoi fan ringrazieranno.

Quindi, una volta presa visione di tutte le informazioni, dei picchi e degli strumenti aggiuntivi che le pagine mettono a disposizione, organizza un vero e proprio calendario di pubblicazione settimanale, e rispettalo.

 

Step quattro: la netiquette, un anti-fail per eccellenza

Uomo avvisato, mezzo salvato? Con la netiquette è possibile: crea un documento in cui indichi quali comportamenti devono rispettare i fan della tua pagina per condividere e interagire, stabilisci regole contro lo spam e le volgarità, specie se la pagina è aziendale. La netiquette è un po’ la costituzione della tua pagina: potrai appellarti a lei per gestire i casi di crisi, evitando così i fail, di cui si parla spesso ultimamente. La netiquette può anche essere modificata: presta attenzione ai dubbi o agli episodi spiacevoli, specie tra i commenti, e modificala sulla base di questa ricerca.

 

Step cinque: i tool che renderanno il tuo piano editoriale social un gioco da ragazzi

Sei sopravvissuto a questo lavoro faticoso, ma necessario: hai stabilito target, obiettivi, calendario di pubblicazione, gestione della pagina ma, prima di mettere in pratica tutti gli step, ti meriti un piccolo premio: qualche tool gratuito per rendere la gestione delle pagine social più semplice e per cercare contenuti sempre freschi e aggiornati.

#1: Blogmeter

Analizza le tendenze sui social circa brand, aziende o personaggi pubblici. Si possono trovare oltre 250 progetti: uno strumento per non rimanere mai senza niente da dire.

#2: AllIn1Social

Tool alternativo al famosissimo Hootsuite, con ottime funzioni anche nella versione free: permette di gestire tre pagine social, programmando i post e fornendo dati dashboard.

#3: Tagboard

Registra post e news relative agli hashtag nella rete dei social network attraverso una funzione di ricerca rapida.

 

Ci sarebbero tante altre cose da dire: questi cinque step sono solamente le fondamenta per costruire un piano (d’azione) editoriale social. Ora la parola a te: conosci altri tool? Vuoi indicare altri step?

The following two tabs change content below.

Elena Paganelli

Laureata in lingue, webwriter per passione! Fantasia, obiettivi ben chiari e precisione sono le mie caratteristiche. Il mio motto? I buoni contenuti ripagano, sempre!

Commenta tramite Facebook!

11 Commenti a “Che piano (editoriale) hai per la tua presenza sui social?”

  1. Alessandro 17 gennaio, 2014 at 7:56 pm #

    Articolo molto interessante! Grazie

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • Elena Paganelli 18 gennaio, 2014 at 12:45 am #

      Grazie a te! :-)

      Thumb up 0 Thumb down 0

  2. Se Recensionando 18 gennaio, 2014 at 12:42 am #

    Tra gli strumenti suggerirei anche IFTT che, come scrive Dario Vignali, “è salvezza di ogni utente del web. Difatti Ifttt automatizza tutti quei lunghi e interminabili procedimenti che spesso si è costretti a compiere di malavoglia.”

    Thumb up 3 Thumb down 0

    • Elena Paganelli 18 gennaio, 2014 at 12:46 am #

      Grazie mille della segnalazione, sicuramente lo studierò… da come viene citato sembra molto utile! ;-)

      Thumb up 0 Thumb down 0

  3. Rinaldo 19 gennaio, 2014 at 9:59 pm #

    Ben detto Elena.
    Bisogna assolutamente cercare di programmare al meglio le attività in internet, i tuoi suggerimenti saranno utili in questa direzione.
    Buon lavoro.
    Ciao.

    Thumb up 0 Thumb down 0

    • Elena Paganelli 21 gennaio, 2014 at 10:47 am #

      Ciao Rinaldo, e grazie del tuo commento!
      Le attività programmate al meglio sono quelle, specie sul web, che portano i frutti migliori!
      Buon lavoro a te,
      Elena.

      Thumb up 0 Thumb down 0

  4. Lucia 22 gennaio, 2014 at 1:24 pm #

    Confermo, anche secondo me IFTTT è un ottimo strumento, lo utilizzo personalmente e può dare davvero una mano nella gestione delle attività.
    Articolo utile comunque :)

    Thumb up 1 Thumb down 0

    • Elena Paganelli 26 gennaio, 2014 at 5:59 pm #

      Grazie Lucia, proveremo anche IFTTT, a prima vista sembra un buon tool!

      Thumb up 0 Thumb down 0

  5. Maurizio Lotito 26 gennaio, 2014 at 3:07 pm #

    Ottimo articolo Elena! A proposito di tool: fra pochi giorni lanciamo la private beta di un nuovo software sviluppato interamente in Italia, che ha come caratteristica fondante proprio l’approccio editoriale alla gestione dei social media, con un focus “content oriented”.

    Sarebbe un vero piacere averti tra i primi tester: può interessarti? Nel caso, contattami via email ;)

    Thumb up 1 Thumb down 0

    • Elena Paganelli 26 gennaio, 2014 at 5:58 pm #

      Ciao Maurizio, e grazie mille per l’offerta, ti contatterò sicuramente! Buona domenica!

      Thumb up 0 Thumb down 0

Lascia un commento!

Altro... Social Media
Social Media Crisis
Social media crisis: quando sui social c’è il caos

I social media sono uno dei centri pulsanti della comunicazione di oggi e hanno modificato radicalmente non solo il dialogo...

employee-engagement
Metriche di Engagement: consigli e strumenti per contenuti condivisibili

Aumentare l'engagement verso il Brand (aziendale o personale che sia): questa è una delle questioni al centro dell'attenzione da parte...

Chiudi