About the author

Fabio Piccigallo

Da oltre dieci anni nel marketing, le ho viste tutte: dal direct mailing più tradizionale alle ultime frontiere del social media marketing per il B2B. La mia passione è il mio mestiere: di giorno faccio il Marketing & Business Development Manager, di notte scrivo di marketing sul mio blog.

Related Articles

Lascia un tuo Commento!

2 Comments

  1. 1

    Valeria Pistolato

    Ciao! Esordisco col dire che dopo anni e anni di studio (e lavoro, intendiamoci!) giusto 29 giorni fa mi sono laureata in lingua e letteratura inglese, tesi magistrale del vecchissimo ordinamento quadriennale, e che mi piacerebbe tantissimo fare della traduzione dall’inglese il mio futuro. Dico questo non per vanto, ma perché, anno dopo anno, credo di aver acquisito una discreta esperienza di traduzione dall’inglese all’italiano. Non posso che confermare quanto esposto nell’articolo, e col pensiero vado ai mitici “false friends” che qualche problema lo creano di sicuro, soprattutto a noi latini; basti pensare per esempio alla parola “library” che non corrisponde a “libreria” bensì a “biblioteca”. Nella traduzione dall’inglese ogni frase va tradotta sia rispettando le parole dette, ma soprattutto il senso e in particolare bisogna rispettare il modo di esprimersi in inglese e quello, differente, di esprimersi in italiano. Più che di traduzione da parola a parola, da frase a frase, si tratta di traduzione da cultura a cultura, da quella inglese a quella italiana, che sono molto diverse.

    Reply
  2. 2

    Fabio Piccigallo

    Ciao Valeria, grazie mille per il tuo commento – vedere le mie considerazioni confermate da chi vuole fare della traduzione una professione è ovviamente lusinghiero.
    Ogni lingua è piena di trappole, ma l’inglese secondo me è particolarmente denso di equivoci, spesso anche interni alla lingua stessa. Oggi ho letto ad esempio che “Dutch military plane carrying bodies from Malaysia Airlines Flight 17 crash landed in Eindhoven” – e no, non se ne è schiantato un altro… 🙂
    Senza arrivare a questo, ovviamente, sarebbe già bello se la gente smettesse di tradurre “for good” con “per bene” – con gli effetti comici del caso. Sarebbe già questo un buon successo, non credi?

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

captcha

Please enter the CAPTCHA text

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Privacy. Web Master/Graphic Fusion Lab09

Shares